domenica 29 ottobre 2017

"Siamo polvere di stelle" 2/4 - approfondimento sugli elementi del corpo umano








































Sarebbe un peccato, all'interno dell'argomento di questo post quadruplo riguardante l'origine degli elementi di cui siamo composti, saltare questa piccola parentesi sui nostri elementi: serve questo post per fare un approfondimento il più possibile completo riguardo a cosa servono. Anche perché alla fine di questo viaggio, con il 4° post sarà più facile per voi capire da dove tutti questi elementi vengono e come sono arrivati nel nostro corpo...



L'uomo è un'entità dinamica fatta di materia e di energia e la sua salute è strettamente legata all'armonia delle sostanze e dei minerali, in forma di sali e di ioni, che compongono questa entità.


Rivediamo, dal post 1/4, come funziona il riciclo degli elementi sulla Terra:

I minerali (elementi) si trovano in natura nel terreno. Le formazioni rocciose sono costituite di sali minerali. Quando l'erosione sgretola le rocce e le pietre in minuscoli frammenti nel corso di milioni di anni, la polvere e la sabbia si accumulano formando le basi del suolo.
Oltre a questi minuscoli cristalli di sali minerali, il suolo brulica di microbi che li utilizzano (ne sanno qualcosa gli agenti delle serie di Csi e Ncis in tv, la cosiddetta "scientifica"). I minerali quindi passano dal suolo alle piante, che vengono mangiate dagli animali erbivori, a loro volta mangiati da quelli carnivori. L'uomo, a sua volta, trae questi minerali – che vengono utilizzati dal suo organismo – dalle piante e dagli animali erbivori e carnivori di cui si ciba.

                                                                                                                                                                                                                      Paracelso                                                                “Tutto è veleno, niente è senza veleno. Solo la dose fa che una cosa non sia veleno”                                                                                                               

Nel 1° post abbiamo visto che gli elementi che compongono il corpo umano sono circa 50, e di questi:

- 4 sono costituenti fondamentali (da soli il 96% del peso corporeo: O, C, H, N)

- 7 sono essenziali presenti in quantità superiore a 100 mg (macro-elementi che assieme ai costituenti formano il 99% del corpo umano: Ca, P, S, Na, K, Cl, Mg)

- altri circa 39 sono presenti praticamente in tracce o ultra-tracce, ma non per questo meno importanti (oligo-elementi) - 19 di questi ultimi sono essenziali.


Alla fine del post 3/4_B trovate una versione di Tavola Periodica degli Elementi che li presenta tutti insieme.





Rivediamo per comodità la lista.




65% = Ossigeno (8O)
- 18% = Carbonio (6C)
- 10% = Idrogeno (1H)
- 3% = Azoto (7N)




(nel restante 4%, dal punto di vista nutrizionale i primi 7 sono Macro-Elementi)
Gli elementi con l'* sono considerati "essenziali"

- 4% = 

* Calcio (20Ca),
* Fosforo (15P, da Phosphorus),
* Zolfo (16S, da Sulfur) e
* Sodio (11Na, da Natrium),
* Potassio (19K, da Kalium cioè Potassium),
* Cloro (17Cl),
* Magnesio (12Mg)



(quelli che seguono, sempre dal punto di vista nutrizionale, si dividono tra Micro-elementi o elementi-Traccia ed Oligo-elementi o Ultra-Traccia: assieme sono poco più di 1/10.000)






A t t e n z i o n e : 
Per le caratteristiche della lista che segue e l'ordine degli elementi (che è un riferimento, non una lista ufficiale) andate a rivedere il post 1/4.

- li trovate già in ordine di quantità di atomi nel corpo umano, visivamente ben separati, a sinistra (*) gli essenziali e più a destra (puntino) i non essenziali, dal più presente al meno presente: 

5 sono gli essenziali in tracce fino al Cu, mentre in gamma altri 14
Gli altri elementi non essenziali ma presenti nell'organismo sono al momento 20


* Silicio (14Si)
Fluoro (9F)
* Ferro (26Fe)
* Zinco (30Zn)


  •   Rubidio (37Rb)
  •   Stronzio (38Sr)
  •   Bromo (35Br)
  •   Alluminio (13Al)
* Rame (29Cu, da Cuprum, ma prima era Aramen)                                          in tracce ↑
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -


  •  Piombo (82Pb)                                                           in ultra-traccia o gamma ↓
  •  Cadmio (48Cd)

* Boro (5B)
* Manganese (25Mn)
* Nickel (28Ni)
Litio (3Li)
  •   Bario (56Ba)
* Iodio (53I)
* Stagno (50Sn)
  •   Oro (79Au)
  •   Zirconio (40Zr)
* Cobalto (27Co)
  •   Cesio (55Cs)
  •   Mercurio (80Hg)
* Arsenico (33As)
* Cromo (24Cr)
* Molibdeno (42Mo)
* Selenio (34Se)
  •   Berillio (4Be)
Vanadio (23V)
  •    Uranio (92U)
  •   Radio (88Ra)
* Germanio (32Ge)
* Tungsteno (74W da Wolframio)
  •   Bismuto (83Bi)
  •   Titanio (22Ti)
  •   Argento (47Ag)
  •   Antimonio (51Sb)
  •   Niobio (41Nb)
  •   Tantalio (73Ta)



Ebbene sì, avete visto bene, 
come probabilmente avrete già notato, nell'elenco sono presenti, seppur in quantità veramente molto piccole, ultra-traccia o cosiddette gamma, elementi come Argento, Oro, Cesio, Uranio, Titanio, Arsenico, Mercurio. Leggete nel post 1/4 la nota al loro riguardo.





                                                                                                                                                            Estratto dal libro di Catherine Kousmane                                                                          "Salvate il vostro Corpo!: prevenire e guarire le malattie moderne"                                                                                                                        
      Esistono sostanze chimicamente "purissime"?                                                                                                                                                                            Grazie all'uso di apparecchiature moderne, sempre più sofisticate, capaci di studiare la composizione elementare del corpo umano:
- la "spettroscopia d'assorbimento atomico"
- l'"analisi dei neutroni per attivazione"
                                                                                                                                                           è possibile oggi misurare quantità molto piccole di sostanze, da 1 mg fino a 1/1.000 di mg (microgrammo o gamma).                                                                                                                                              
Si possono scoprire concentrazioni dell'ordine di 0,01 ppmd (parti per miliardo) o anche inferiori: inoltre si può rilevare la presenza di 1 g di metallo racchiuso in 10.000 tonnellate di prodotto da analizzare (ad esempio in 10.000 mq d'acqua)!
                                                                                                                                                            Ci si è resi così conto che non esistono sostanze chimicamente "purissime", come invece si è sempre creduto: infatti 100 g di un corpo considerato un tempo chimicamente "purissimo" possono contenere anche 100.000 miliardi di atomi estranei.
Se ad esempio un corpo pesa 70 kg e contiene solo 3-5 mg di cromo, cobalto e molibdeno (quantità minime), può tuttavia disporre di un numero 10 elevato alla 19 di atomi per ciascuno dei 3 micro-elementi.                                                                                                                                                                                                                                                                            Per facilitarvi la lettura di grammi, milligrammi e microgrammi o gamma, vi propongo una                                        tabella di conversione delle quantità,                                                                                      facile da consultare.                                                                                                                                        
clicca per ingrandire - click to enlarge
                                                                                                                                                                                                         
I micro-elementi esercitano un'azione favorevole sui fenomeni vitali soltanto in concentrazioni ben definite: se sono eccessive o insufficienti possono nuocere.                                                                              
         Nessun tipo di vita sarebbe possibile senza di loro                                                     e                                                                                                       l'assenza di un solo elemento è mortale.                                                                                                                                
                                                                                                                                                          Comportamenti particolari:                                                                                                                                                                                                                                                                       A volte ci può essere una sostituzione tra enzima e oligo-elemento, in presenza di proprietà analoghe.
Può anche però accadere che alcuni oligo-elementi abbiano proprietà analoghe a quelle di certi macro-elementi. Possono esercitare azione antagonista
- Mg a quella del Ca
- Li a quella del Na
- Rb a quella del K                                                                                                                      
Rb ha proprietà simili a quelle del K, che è in grado di sostituire nei sistemi enzimatici.
Zirconio Zr e Niobio Nb sono presenti nel corpo umano con funzioni importanti anche se non ancora precisate.
Argento presente in tracce nel cervello, fegato, intestino e polmoni.                                                                                                                                    



Propongo qui, come già fatto in altri post su altri argomenti, 

una varietà di definizioni 

su questi elementi, che possono essere comprensibili per tutti, e che danno una visione generale di cosa sono e della loro importanza; inoltre la ripetizione dei concetti aiuta a fissare meglio, quindi non preoccupatevi se alcuni concetti ritornano in spiegazioni diverse, è voluto.




Ruolo fisiologico, tossicità, caratteristiche 



- Elemento "essenziale" è un elemento necessario per il mantenimento della vita; la sua assenza determina la morte o un severo malfunzionamento dell'organismo, ma anche il suo eccesso provoca problemi di salute o intossicazione ed avvelenamento fino alla morte




- Gli elementi minerali essenziali svolgono dunque un ruolo fisiologico fondamentale nella chimica del vivente, al punto tale che un organismo non può crescere o completare il suo ciclo vitale senza di essi: nessun tipo di vita sarebbe possibile senza di loro e l'assenza di 1 solo elemento è mortale.





- Il corpo umano non è in grado di sintetizzare i minerali (gli elementi) autonomamente, per cui essi vanno assunti ogni giorno tramite l'alimentazione

- Sebbene le quantità indispensabili dei micro- ed oligo-elementi siano piccolissime (come detto nel post 1/4, tracce o ultra-tracce), il loro apporto attraverso una corretta alimentazione è fondamentale

- La dose infinitesimale degli oligo-elementi è assolutamente priva di tossicità



Poiché gli elementi minerali si trovano principalmente nel tessuto osseo e muscolare, è possibile superare la quantità necessaria assumendone dosi molto elevate. 


Tuttavia le quantità tossiche si accumulano solo se ne vengono prese dosi massicce per un periodo di tempo prolungato (vedi finestra in fondo al post sui metalli pesanti).



- Al momento attuale circa 1/3 degli elementi naturali del Sistema Periodico (92) possono essere considerati “essenziali”

- Un oligo-elemento si definisce essenziale quando possiede le seguenti caratteristiche:
  • è presente in tutti i tessuti sani di tutti gli organismi viventi
  • ha una concentrazione nei tessuti relativamente costante
  • induce, a seguito di una carenza, delle alterazioni strutturali e fisiologiche di vario tipo
  • previene o guarisce, attraverso il suo apporto, le affezioni morbose provocate dallo stato carenziale

- Gli elementi "essenziali" sono presenti in tutti i tessuti sani, svolgono un ruolo che non può essere sostituito da nessun altro ed hanno una concentrazione relativamente costante, che richiede un continuo controllo di tipo omeostatico

- sono fondamentali per l’accrescimento, il ricambio e il mantenimento dei tessuti e delle strutture corporee


- sebbene costituiscano solo circa il 4-5% del peso corporeo, sono tuttavia basilari per il benessere fisico e mentale, perché costitutivi di tutti i tessuti e dei fluidi degli organismi.
Si trovano in diverse forme: 
- Struttura ossea 
- Combinati con sostanze organiche 
- In soluzione nei liquidi organici






- Sono fattori importanti per il mantenimento dei processi fisiologici
-- rafforzano le strutture scheletriche
-- catalizzano (* vedi più sotto il significato) molte reazioni bio-chimiche
-- sono importanti nella produzione di ormoni e anticorpi



-- contribuiscono a mantenere il delicato equilibrio idrico
(water in - food and drinks, metabolism - and water out - skin and lungs lost, feces, urine)





che in pratica significa che sono necessari per
1. una corretta combinazione dei liquidi organici 
2. la formazione di sangue e dell'impalcatura ossea
3. il mantenimento di un sano funzionamento dei nervi




Le funzioni principali:
- contribuiscono all’equilibrio acido-base
- regolano l’attività degli enzimi
- contribuiscono alla costituzione di ormoni, enzimi e vitamine
- contribuiscono al mantenimento dell’equilibrio idrico
- regolano le funzioni neuro-muscolari



Il valore ideale del pH del sangue di un essere umano è 7,365. Mantenere un equilibrio "buono" si basa su un'alimentazione alcalina al 75% e acida al 25%.



Cosa sono praticamente?


J. Polonovski li ha definiti come 

“.. quelle sostanze che senza partecipare esse stesse, producono reazioni le quali, in loro assenza o non verrebbero prodotte o necessiterebbero di condizioni molto spesso di difficile realizzazione"

- sono principi nutritivi non energetici presenti nell'organismo e nei cibi in combinazioni organiche ed inorganiche


- la definizione che segue è più oscura se uno non è un po' pratico di chimica, ma intanto la metto lo stesso e grazie al post 3/4_A diventerà più comprensibile:
sono inorganici neutri che in soluzione tendono a dissociarsi formando ioni di tipo Positivo (+cationi) e Negativo (-anioni)


- L'analogia tra le vitamine e gli oligo-elementi ha spinto molti ricercatori a definire gli elementi chimici come "vitamine inorganiche"
Come le vitamine, anche gli oligo-elementi sono insostituibili e la loro carenza o il loro eccesso provoca alterazioni strutturali e fisiologiche favorendo le malattie. Somministrati a giuste dosi prevengono e guariscono gli stati di carenza, e il loro impiego aiuta a ripristinare le funzioni deficitarie dell'organismo. 

- Essi si integrano e in quanto naturali all'organismo entrano nel tessuto cellulare riportando il corpo allo stato di equilibrio funzionale



- 2 concetti di chimica (catalisi ed enzimi), per chiarire meglio il punto che segue dopo:

La Catalisi, deriva dal Greco "Katalysis" e significa "dissoluzione", consiste nell'accelerazione di una reazione chimica tramite la presenza di una sostanza che pur partecipando alla reazione stessa, non viene né consumata, né trasformata nel corso di detta reazione. Sono gli enzimi che fungono da catalizzatori delle reazioni chimiche necessarie alla vita umana, ed essi per funzionare correttamente, hanno necessità degli oligo-elementi.

Esempio: 
si può dire che l'enzima corrisponde ad una chiave che apre una sola serratura, oppure ad un "passe-partout" che si adatta a tutte le porte di uno stabile, ma solo di quello. L'attività degli enzimi mantiene un equilibrio indispensabile: la  velocità di reazione enzimatica aumenta con la concentrazione di materia da trasformare e con la temperatura (infatti il freddo rallenta i processi chimici vitali, come si sa).

Quindi gli elementi chimici sono dei "bio-catalizzatori", ovvero aiutano, attivano le reazioni chimiche e metaboliche indispensabili alla vita. Gli oligo-elementi, un tempo ignorati, sono fondamentali per la bio-chimica (chimica degli esseri viventi) anche perché fanno parte degli enzimi, in effetti sono co-enzimi: mettono il corpo nelle condizioni di svolgere velocemente  e in modo appropriato le sue diverse attività. 

- Per “attività catalitica” degli oligo-elementi ora possiamo meglio comprendere che si intende la capacità degli elementi-traccia di attivare importanti enzimi nel nostro organismo, che entrano nelle reazioni chimiche fungendo da catalizzatori, accelerandone di migliaia di volte la velocità. 

Esempio:
per capire la potenza fondamentale di un elemento, considerate che un solo atomo di Ferro, di peso atomico 56, è sufficiente ad attivare un enzima respiratorio il cui peso molecolare è 50.000 !


Un elemento ha un peso in proporzione molto debole nell'ambito della molecola globale del catalizzatore; vitamine e micro-elementi sono perciò "catalizzatori di catalizzatori".


Interessante introduzione sui "catalizzatori" tratta da 
"Salvate il vostro corpo: prevenire e guarire le malattie moderne" di Katherine Kousmine

"..Se poniamo una zolletta di zucchero a contatto con il fuoco si scalda e brucia. Il Carbonio in esso contenuto si lega all'ossigeno dell'aria e forma anidride carbonica (CO2); questo fenomeno di combustione produce energia sotto forma di calore. 

Nell'ambiente che ci circonda questa reazione avviene ad una temperatura molto alta, impossibile da sopportare. 
Le piante e gli animali realizzano all'interno del loro organismo le condizioni necessarie perché abbia luogo questo tipo di combustione che produce l'energia vitale indispensabile. 






Nell'uomo questa reazione avviene a una temperatura che oscilla tra 36 e 37 gradi; nelle piante a temperature inferiori. 











Perché un tale fenomeno sia possibile occorrono degli induttori di reazione, cioè sostanze che facilitano le reazioni chimiche più diverse, che vengono chiamati catalizzatori

Negli organismi viventi i catalizzatori sono delle molecole proteiche sintetizzate dalle cellule, che per essere attive devono legarsi appunto alle nostre vitamine o micro-elementi. Le piante sintetizzano le vitamine e prelevano i micro-elementi dal terreno. L'uomo invece li assorbe negli elementi.
Sono perciò queste preziose sostanze che stimolano, facilitano e accelerano le reazioni chimiche del nostro organismo e che noi tendiamo a distruggere o a eliminare dalla nostra alimentazione, sentendoci sempre più deboli e stanchi! 
Per porre rimedio occorre tornare ad una alimentazione naturale e arricchire il nostro organismo con le vitamine e i minerali farmaceutici che abbiamo eliminato o distrutto".



- Anche qui capirete meglio la seguente definizione quando vedrete il post 3/4_A e 3/4_B
gli oligo-elementi sono ioni inorganici, metalli e metalloidi presenti in tutti gli esseri viventi in piccole quantità ed il cui fabbisogno giornaliero è di alcuni milligrammi (mg) e talvolta anche di gran lunga inferiore, microgrammi (mcg o 𝛍g o gamma). Alcuni di questi risultano "essenziali" per l'uomo dal momento che prendono parte in modo insostituibile ad alcune attività bio-chimiche/metaboliche



Gli oligo-elementi hanno in definitiva 2 funzioni:
  • alcuni svolgono una funzione “plastica, in quanto partecipano alla struttura del corpo umano
  • altri sono bio-regolatori giacché partecipano alle reazioni metaboliche e all'attività degli enzimi. 

    (Il
    metabolismo è l'insieme delle reazioni chimiche attraverso le quali gli organismi viventi consumano e trasformano energia)






Esempi ne sono la fotosintesi (fissazione del carbonio con rilascio di ossigeno), il catabolismo (nella digestione), l'estrazione di energia chimica (respirazione).
L'energia viene estratta tramite trasferimento di elettroni e poi immagazzinata in legami chimici di molecole preposte a questo scopo: nel post 3/4_A questa frase risulterà un po' più chiara per chi non si intende di chimica di base.



Esistono alcuni oligo-elementi che pur non essendo considerati ”essenziali” possono svolgere un’attività terapeutica:
  • Alluminio
  • Argento
  • Oro
  • Bismuto
  • Germanio
Quindi riepiloghiamo le caratteristiche dei micro-elementi:

- sono catalizzatori e regolatori dei processi vitali (catalizzatori diretti di enzimi o catalizzatori di catalizzatori)
- esercitano un'azione favorevole sui fenomeni vitali soltanto in concentrazioni ben definite: se sono eccessive possono nuocere, come se fossero insufficienti
- a ogni enzima corrisponde un oligo-elemento ben preciso
- a volte ci può essere una sostituzione, se ci sono proprietà analoghe (con valenza e peso atomico)
- altre volte alcuni oligo-elementi hanno proprietà analoghe a quelle di certi macro-elementi minerali, ed entrano in competizione tra loro, sostituendosi in un'azione antagonista (vedi Mg-Ca, Li-Na, Rb-K)
- sono regolatori del pH, la reazione normale dei tessuti: come Al e Zn 
- ci sono equilibri biologici estremamente delicati tra tutti questi oligo-elementi






Vediamoli ora uno per uno, con una breve descrizione che cerca di essere il più possibile esaustiva.
Può essere utile e comodo rivedere l'immagine riassuntiva del titolo.
Non entro troppo nel merito delle quantità corrette perché ho notato che ci sono ancora incongruenze, quindi ci basti sapere che tutti questi, pur in tracce, sono tuttavia fondamentali.







In questo post trovate ciascun elemento accompagnato da:
- quadratino a sinistra che contiene in sintesi il simbolo, nome elemento, numero atomico Z in alto a sinistra, peso atomico sotto il nome
- immagine a destra con la relativa posizione nella Tavola Periodica (che troverete spiegata meglio nel post 3/4_B)

aggiungo pure sul nome elemento il link che lo collega al post 1/4,
 così potrete comodamente tornare a cercarne la foto


I Macro-elementi


Calcio - essenziale
dal latino calx, “calce”, che ne è un composto

Componente fondamentale delle ossa e dei denti, controlla il processo di coagulazione del sangue, la conduzione degli impulsi nervosi, è fondamentale per la contrazione dei muscoli e del cuore e regola la permeabilità dei vasi







- Modula la produzione degli ormoni 
- interviene nella regolazione dell'equilibrio acido base ed idrico
- svolge attività antiallergica
- migliora l'assorbimento della vitamina B12 e del ferro
- agisce come tranquillante naturale
- agisce spesso in stretta connessione col P Fosforo




----------


Magnesio - essenziale
da Magnesia, città della Tessaglia, dalla quale proveniva la pietra omonima usata come purgante; secondo gli antichi, tale pietra andava avvicinata al magnete, che trae il nome, in greco mágnes (líthos), dalla stessa città: come infatti il magnete attraeva il ferro, così il magnesio aveva la proprietà di attrarre gli umori del corpo

Componente fondamentale delle ossa e dei denti, oltre ad essere un costituente essenziale dell'apparato scheletrico, entra nella composizione di numerosi enzimi e interviene nella trasmissione neuromuscolare. Il suo nome deriva da una città turca "Magnesia". E' un elemento di fondamentale importanza, infatti sono oltre 300 gli enzimi che possono funzionare solo in presenza di magnesio.


Il 99% della quota totale presente nell'organismo è intracellulare.
- cardiovascolare: previene gli attacchi di cuore e le aritmie; contrasta l'aumento della pressione arteriosa; previene l'aterosclerosi
- immunitario: aumenta la produzione degli anticorpi; stimola l'attività dei linfociti
- nervoso: riduce l'ipereccitabilità dei nervi e dei muscoli; contrasta la depressione e migliora il tono dell'umore
- osteo-articolare: favorisce la fissazione del calcio nel tessuto osseo
- altre azioni: aumenta la resistenza alle infezioni e al cancro; con la vitamina C svolge azione preventiva nei confronti del cancro del seno; previene la calcolosi renale

Può essere utile sapere che:
- svolge un'efficace attività antiallergica (eczema, asma)
- troppo apporto alimentare di Calcio, Fosforo, proteine e grassi animali riduce l'assorbimento del Magnesio
- dovrebbe sempre accompagnare la somministrazione di Potassio






----------


Fosforo - essenziale
dal greco phôs, “luce”, e -phoro, “che porta”: “apportatore di luce”, con riferimento alla sua estrema reattività, in virtù della quale, combinandosi con l’ossigeno emette una tenue luminescenza

Questo elemento è secondo solo al calcio per quantità totale nell'organismo. Circa l'80% è localizzato nelle ossa e nei denti sotto forma di cristalli di fosfato di Calcio.






- componente fondamentale delle ossa e dei denti
- forma legami ad alta energia
- sistema tampone importante per la regolazione acido-base dell'organismo
- costituente di enzimi, proteine, membrane cellulari, DNA-RNA e nucleotidi
- regola importanti processi biochimici come la captazione del glucosio, l'affinità dell'emoglobina per l'ossigeno
- attiva alcune vitamine
- stimola la contrazione muscolare
- interviene nella trasmissione degli impulsi nervosi
- è necessario per il corretto utilizzo delle vitamine del complesso B
- è importante per l'utilizzo dei grassi, degli zuccheri e delle proteine



----------

Cloro - essenziale
dal greco khlorós, “verde”, per il suo colore

E' un elettrolita, cioè un elemento dotato di carica elettrica. Partecipa alla formazione del succo gastrico (acido cloridrico) dove è particolarmente abbondante; tale acido gioca un ruolo essenziale nella digestione proteica e nella difesa dai germi introdotti con gli alimenti. Nell'organismo, così come nei cibi, il cloro è presente soprattutto come cloruro di sodio (il normale sale da cucina) e di potassio.


Una volta assorbito
  • interviene nella regolazione dell'equilibrio acido-base, della pressione osmotica e del bilancio idrico (regola la distribuzione dei liquidi all'interno e all'esterno delle cellule e con essa la volemìa, cioè il volume di sangue presente nell'organismo)
  • facilita inoltre il trasporto dell'anidride carbonica da parte dei globuli rossi
  • è usato nella cura della diarrea e del vomito


----------

Zolfo - essenziale
dal latino sulphur, “zolfo”, di origine pre-latina; è infatti uno dei 9 elementi noti fin dall’antichità, con carbonio, oro, argento, rame, stagno, piombo, mercurio e ferro

Lo zolfo è un elemento molto diffuso in natura. Esso, infatti è presente in ogni cellula animale e vegetale. E' presente nella cheratina, una importante proteina necessaria per la salute e il benessere della pelle, delle unghie e dei capelli, tant'è che viene chiamato “il minerale della bellezza”, proprio perchè rende i capelli lucidi e soffici e la carnagione chiara e giovane.



Lo zolfo Organico (e non i solfati o i solfiti) è un componente essenziale dell'organismo umano; si tratta di un micro-elemento plastico, presente nella struttura chimica degli amminoacidi solforati e di altre molecole strutturali utili, come vitamine, coenzimi e l'ormone insulina. Dal punto di vista strutturale, lo zolfo rappresenta un micro-elemento essenziale alla costruzione del tessuto connettivo.
- entra come componente nella struttura di 4 aminoacidi metionina, cistina, cisteina, e taurina
- si trova in alte concentrazioni nella struttura proteica delle articolazioni, dei capelli, delle unghie e della cute
- l'insulina è ricca di aminoacidi che contengono zolfo; anche il glutatione contiene zolfo
- interviene nelle reazioni di ossido-riduzione
- favorisce la secrezione biliare

Può essere utile sapere che:
- usato sotto forma di pomata, lo zolfo dà buoni risultati nella cura di vari problemi dermatologici, come la psoriasi, l'eczema e le dermatiti


----------



Potassio - essenziale
dall’inglese pot, “pentola, vaso”, e ash, “cenere”; così denominato da Humphry Davy (1778-1829), che lo isolò nel 1807 trattando il residuo di calcinazione di alcuni vegetali. Il simbolo K deriva dal nome latino kalium, a sua volta dall’arabo al qali

E' uno dei minerali più rappresentati nell'organismo di cui il 98% è localizzato all'interno delle cellule. Esso contribuisce al controllo della pressione arteriosa, favorendo l'eliminazione renale del sodio e diminuendo così l'accumulo di liquidi.




- è necessario per un accrescimento normale
- è coinvolto nella trasmissione degli impulsi nervosi
- interviene nel regolare l'equilibrio acido base ed idro elettrolitico
- interviene nella sintesi delle proteine muscolari
- regola il metabolismo degli zuccheri
- stimola il rene ad eliminare i residui tossici

Può essere utile sapere che:
* è frequente perdere Potassio a causa di:
> sforzi fisici intensi
> uso di diuretici
> eccessivo consumo di cibi salati
> prolungate terapie a base di cortisone
> diarrea
> vomito
* la somministrazione di Potassio andrebbe sempre associata a quella del Magnesio
* il caffè, nonostante sia ricco in Potassio, può causarne una perdita
Può essere sostituito nei processi enzimatici dal Rubidio, che ha proprietà chimiche simili





----------


Sodio - essenziale
dal latino salsola soda, nome della pianta dalle cui ceneri si ricava un suo composto, la “soda”; il simbolo è invece tratto da natrium, nome latino della soda, in arabo natrun, che indica un lago (l’odierno Natron, in Tanzania) in cui essa abbonda

Il corpo umano contiene circa 100 g di sodio. Il suo aumento nei tessuti determina una maggiore presenza di liquidi che può portare ad un aumento della pressione sanguigna.





- regola l'equilibrio acido-base ed idro-elettrolitico
- modula la trasmissione degli stimoli nervosi
- interviene nella contrazione muscolare
- è coinvolto nella produzione dell'adrenalina










---------- ---------- ----------


Micro-elementi (o -traccia) 

e Oligo-elementi (o -ultra-traccia)


Ferro - essenziale
dal latino ferrum, “ferro”; è uno dei 9 elementi noti fin dall’antichità, con carbonio, oro, argento, rame, zolfo, stagno, piombo e mercurio

E' essenziale per la sintesi di emoglobina (proteina che trasporta l'ossigeno alle cellule), di mioglobina muscolare e di collagene; è inoltre indispensabile nei processi di respirazione cellulare e nel metabolismo degli acidi nucleici. E' anche un componente di enzimi del metabolismo energetico



In quanto costituente dell'emoglobina e di enzimi implicati nella produzione di energia, il ferro interviene nelle seguenti funzioni:
- trasporto di ossigeno dal polmone ai tessuti e di anidride carbonica dai tessuti ai polmoni
- respirazione cellulare
- metabolismo delle vitamine del gruppo B
- sintesi dell'adrenalina e noradrenalina
- difesa dalle infezioni

Può essere utile sapere che:
- il calcio presente nel latte riduce l'assorbimento del ferro (bere il latte lontano dai pasti)
- il metabolismo del ferro è positivamente influenzato dal Rame, dal Cobalto, dal Molibdeno, e dalle vitamine B6, E e C 
- il caffè e il tè inibiscono l'assorbimento del ferro

Zinco - essenziale
dal tedesco Zink, “zinco”, termine di etimo incerto

E' un elemento necessario per l'attività di almeno 200 enzimi. Una diminuita disponibilità di questo minerale limita la produzione di quasi tutte le proteine cellulari.
Lo zinco è un componente fondamentale di molti enzimi implicati nel metabolismo energetico (catalizzatori DNA-RNA e digestivi).





- svolge attività antiossidante neutralizzando l'azione dei radicali liberi
- regolarizza il gusto e l'odorato
- promuove una crescita e uno sviluppo fisiologico
- favorisce la cicatrizzazione delle ferite e stimola inoltre la rigenerazione dei tessuti
- promuove una crescita normale del feto e il differenziamento cellulare
- è importante per la divisione cellulare e per gli scambi gassosi nei polmoni
- favorisce la sintesi del DNA e RNA
- promuove la divisione, la riparazione e la sintesi cellulare
- regolarizza il livello ematico della vitamina A
- potenzia il sistema immunitario
- è essenziale per la funzionalità degli ormoni sessuali maschili e della prostata
- neutralizza gli effetti delle radiazioni ionizzanti (post atmosfera)

Può essere utile sapere che:
- Antagonista del Rame Cu, la sua assunzione in grosse dosi può provocare carenza di Cu
- può essere utile, associato alla vitamina A, nel trattamento dell'acne giovanile
- è fondamentale nel trattamento di tutte le malattie della pelle e delle mucose

----------

Rame - essenziale
dal latino latino tardo aeramen, “rame, bronzo” (i latini non distinguevano tra il rame e la sua lega); nel 77 d.C. Plinio lo sostituì con cuprum, “rame, bronzo di Cipro”, isola nella quale si trova in abbondanza; da questo nome deriva il simbolo Cu; è uno dei 9 elementi noti fin dall’antichità, con carbonio, oro, argento, zolfo, stagno, piombo, mercurio e ferro

Nonostante sia presente in quantità molto limitate nell'organismo, in tracce (da 50 a 120 mg), il rame è un elemento essenziale per la specie umana. Nei vari tessuti agisce soprattutto come co-fattore di numerosi enzimi, a loro volta coinvolti in svariate funzioni fisiologiche. Oltre a facilitare l'assorbimento del ferro, entra nel meccanismo di sintesi dell'emoglobina favorendolo. Costituisce diversi enzimi digestivi e determina la formazione di elastina.




- svolge azione antiossidante proteggendo dall'azione lesiva dei radicali liberi
- interviene nella produzione di energia
- è necessario per un corretto utilizzo del ferro
- interviene nella fissazione del calcio nelle ossa
- è coinvolto nell'azione di alcuni neurotrasmettitori
- modula la produzione degli estrogeni
- stimola le difese dell'organismo a contrastare le infezioni
- partecipa con la vitamina C alla formazione delle fibre dei muscoli e del tessuto connettivo

Antagonista dello Zinco, la sua assunzione in grosse dosi può provocare carenza di Zn






----------



Fluoro - essenziale
dal latino fluere, “scorrere”; i suoi minerali infatti (per esempio la fluorite) facilitano la fusione dei minerali

E' un elemento presente in quantità limitate nell'organismo umano, dove si concentra soprattutto nelle ossa e nei denti, di cui è componente fondamentale.
Considerato essenziale da alcuni e solo benefico da altri, è importante per la mineralizzazione dello scheletro e dello smalto.
  • partecipa al mantenimento della struttura ossea e dentaria
  • svolge una vera e propria azione schermante dalla carie, riducendo la formazione degli acidi nella bocca


- favorisce il deposito del calcio a livello osseo (azione antiosteoporotica)
- rafforza lo smalto
- rafforza i legamenti


----------



Iodio - essenziale
dal greco iódes, “violetto”; per il colore dei suoi vapori

Lo iodio è un importantissimo componente degli ormoni tiroidei (tiroxina e triiodotironina), pertanto (assieme al Cobalto che partecipa alla reazione di fissazione dello iodio) rappresenta un elemento di bio-regolazione corporea.




La tiroide è il "termostato interno dell'organismo umano". La sua attività, infatti, porta alla sintesi ed al rilascio di ormoni particolari, capaci di influenzare pesantemente svariati processi metabolici e favorire la crescita e lo sviluppo di diversi organi, in particolare del cervello. La sintesi degli ormoni tiroidei dipende dalla disponibilità di adeguate quantità di iodio.
- contribuisce allo sviluppo e al funzionamento della tiroide
- regola la produzione energetica dell'organismo
- favorisce la crescita e lo sviluppo
- stimola il metabolismo
- aumenta l'acutezza mentale
- è preposto alla integrità della cute, dei capelli e delle unghie
- presiede alla conversione del b-carotene in vitamina A

Può essere utile sapere che:
- una buona integrazione di Iodio si può garantire sostituendo il sale di cucina con sale iodato
- l'apporto di iodio si rivela spesso un'arma vincente nei confronti delle infezioni micotiche della pelle

----------


Cobalto - essenziale
dal greco kóbalos, “folletto”: perché sarebbe stato un folletto a far trovare ai minatori cobalto al posto del desiderato argento

E' un oligo-elemento il cui contenuto totale nel corpo umano è inferiore ad 1 mg, di questo il 40% è localizzato nei muscoli e il 14 % nelle ossa, la restante quota è distribuita nei vari tessuti (sia Co che vit. B12 si concentrano nel fegato). 
- attivatore di alcuni sistemi enzimatici
- accelera la sintesi proteica
- oltre a facilitare l'assorbimento del ferro, entra nel meccanismo di sintesi dell'emoglobina favorendolo (insieme a Rame e Manganese).
- azione vasodilatatore  
Il cobalto partecipa alle varie funzioni della cianocobalamina (vit. B12), influenza la biosintesi dell'emoglobina e facilita la fissazione dello Iodio tiroideo.



- modula l'attività del sistema nervoso simpatico e parasimpatico (neurovegetativo);
- svolge attività antispastica particolarmente a livello delle arterie e a livello intestinale.









----------

Molibdeno - essenziale
dal greco mólybdos, “piombo”; fu denominato così da J. J. Berzelius (1779-1848) per la sua somiglianza con il piombo

Il molibdeno compone alcuni enzimi che partecipano al metabolismo delle basi puriniche (costituenti dei nucleotidi). E' coinvolto nella prevenzione della carie dentaria e nel metabolismo del Ferro. Il molibdeno si trova nel fegato, nelle ossa e nei reni e nella milza. Una sua carenza sembra essere associata al cancro dell'esofago.



- è necessario in quantità estremamente limitate per il metabolismo azotato, che mette l'organismo in condizione di utilizzare l'azoto N
- aiuta nella fase finale della trasformazione delle purine in acido urico
- Favorisce le normali funzioni cellulari













----------


Cromo - essenziale
dal greco khrôma, “colore”; così denominato per le colorazioni dei composti

Il Cromo è un micro-nutriente presente in tracce nel nostro organismo. Dal 1959 si conosce il suo importante ruolo di co-fattore nel potenziamento della funzione insulinica.
Sebbene non sia ancora ben conosciuto il preciso meccanismo d'azione, una carenza cronica di Cromo diminuisce la sensibilità dell'organismo all'insulina, aumenta il colesterolo ed abbassa le difese immunitarie.

  • è un componente essenziale del DNA
  • è coinvolto nel metabolismo glucidico e lipidico (interviene nel metabolismo degli zuccheri, dei grassi e delle proteine), quindi è necessario per l'energia
  • è componente di un fattore detto GTF, prodotto dal fegato, che potenzia l'attività dell'ormone insulina nel trasporto del glucosio
  • ha azione trofica (nutritiva) sui muscoli
  • contrasta la formazione delle placche a livello delle arterie (specialmente associato al Magnesio)





----------

Silicio - essenziale
dal latino silex, “selce”, un minerale del silicio

E' un elemento insolubile e scarsamente reattivo. Nell'organismo lo si trova localizzato soprattutto nei tessuti con metabolismo lento, come la pelle, le ossa, le unghie e il tessuto connettivo.





Importanza fondamentale del Silicio nella formazione dei mucopolisaccaridi costituenti il collagene, una proteina strutturale diffusissima nelle ossa, nella cartilagine articolare e nei tessuti connettivi.
- rinforza le ossa, i capelli, le unghie
- presiede ad uno sviluppo ed accrescimento normale
- mantiene elastico il tessuto connettivo




----------


Vanadio - essenziale
da Vanadis, dea della bellezza nella mitologia nordica: per la bellezza e la varietà di colori dei suoi composti

In biologia, il Vanadio è costituente di enzimi come la vanadio-nitrogenasi, e in diversi sistemi biologici sembra essenziale all'omeostasi organica.
Alcune ricerche hanno dimostrato che la somministrazione di composti di Vanadio può alleviare i sintomi del diabete mellito in maniera paragonabile a quella del Cromo.
E' uno degli oligo-elementi meno conosciuti. Una sua carenza è stata messa in relazione ad un aumento del colesterolo e della glicemia. 


- Il vanadio è necessario per il metabolismo cellulare e per la formazione delle ossa e dei denti.
- È importante nella crescita e nella riproduzione, e inibisce la sintesi del colesterolo. La carenza di vanadio può essere associata a malattie cardiovascolari e renali, a una ridotta capacità riproduttiva e a un aumento della mortalità infantile. Il vanadio non viene facilmente assimilato.










----------


Selenio - essenziale
dal greco seléne, “Luna”, per la sua lucentezza; poiché l’elemento è affine al Tellurio, con cui fu in un primo momento confuso, Jöns Jacob Berzelius (1779-1848) sostenne che anche il suo nome doveva rispecchiare tale somiglianza e fu quindi scelta la parola greca per Luna, unico satellite del pianeta Terra

E' uno dei più importanti elementi essenziali che, nonostante oggetto di numerosi studi, rimane ancora ricco di sorprese.
Il selenio è un elemento che agisce, principalmente, come componente dell'enzima antiossidante glutatione perossidasi, che a sua volta opera insieme alla vitamina E nel prevenire i danni prodotti dai radicali liberi alle membrane cellulari. Si concentra nei muscoli e soprattutto nel Miocardio.

Grazie a questa sua capacità di proteggere le membrane cellulari dall'ossidazione, il selenio ha un effetto protettivo nei confronti delle malattie cardiovascolari. Sembra inoltre svolgere un ruolo antagonista nei confronti dei metalli pesanti, come il Mercurio, l'Arsenico, il Cadmio e l'Argento, svolgendo azione preventiva contro gli effetti tossici. 


Svolge un ruolo di primo piano nel supportare la funzione tiroidea.
- la funzione principale è quella antiossidante mediante la quale blocca e neutralizza i radicali liberi
- svolge azione protettiva sull'apparato cardiovascolare
- è insostituibile per la salute della pelle e delle mucose
- è fondamentale per il funzionamento del fegato
- ha un'importante azione protettiva nei confronti del cancro
- previene le malattie infettive, partecipa al metabolismo degli ormoni tiroidei, favorendo la trasformazione della T4 in T3
- antiossidante simile alla vitamina E ma più potente
Una caratteristica curiosa è che neutralizza parzialmente la tossicità dell'Arsenico e viceversa.




----------


Manganese - essenziale
dal latino Magnésion, “Magnesia”, città della Tessaglia presso la quale esistevano giacimenti di minerale magnetico fortemente somigliante alla pirolusite, un composto nero di manganese. Secondo altri il nome deriverebbe direttamente dalla corruzione del latino magalaea, antico nome della pirolusite

E' un oligoelemento essenziale per ogni specie animale, coinvolto in molti processi enzimatici di rilevante importanza.
  • la sua principale funzione è quella antiossidante mediante la quale difende le cellule dai danni provocati dai radicali liberi
  • attivatore di numerosissimi enzimi
  • costituisce parte integrante di alcuni metallo-enzimi
  • Partecipa a numerose attività metaboliche
L'equilibrio della salute, pertanto, dipende fortemente anche da molti processi biologici catalizzati dal Manganese

  • coinvolto nei processi di protezione dai radicali liberi
  • coinvolto nella sintesi di DNA ed RNA
  • facilita la coagulazione del sangue (in sinergia con la vitamina K)
  • attività tiroidea
  • è necessario per la fertilità
  • sistema immunitario
  • presiede ad una corretta funzionalità dei nervi e dei muscoli
  • componente di numerosi enzimi che partecipano alla biosintesi del colesterolo e al metabolismo delle ammine in genere
  • glicemia, interviene nel metabolismo dei grassi e degli zuccheri
  • è necessario per un corretto sviluppo osseo e cartilagineo
  • partecipa, con altri fattori, alla prevenzione dell'osteoporosi post-menopausa
Inoltre, questo oligoelemento sembra avere riscontri positivi per la profilassi di alcune affezioni, quali epilessia, deficit neurologici, diabete mellito, ritardi della crescita, ulcere, insufficienza renale, infarto (in particolare del miocardio) e persino tumori.

----------


Boro - essenziale
dal francese bore, che è dal latino borax, “borace”, composto nel quale il boro si trova in abbondanza; “borax” deriva a sua volta dal persiano burak, “salnitro”, di aspetto simile al borace e con il quale poteva essere confuso

E' un minerale ultra-traccia presente cioè solo in piccolissima quantità, non solo nel corpo umano ma anche sulla superficie terrestre.




- interviene nello sviluppo e nel mantenimento di una normale struttura delle ossa e dei denti, influenzando il metabolismo del Calcio, del Magnesio, del Fosforo e della Vitamina D
- è necessario per l'assimilazione del Calcio e per mantenere le ossa sane
- è fondamentale nel prevenire l’osteoporosi (alterata struttura ossea con tendenza alle fratture) legata alla menopausa
- riduce il rischio di ammalarsi di artrite
- modula la produzione degli ormoni, in particolare aumentando la produzione degli estrogeni e del testosterone

----------



Germanio (Ge-132) - essenziale
dal latino Germania, “Germania”; il nome fu proposto da Dmitrij Ivanovič Mendeleev (1834-1907), in onore dello scopritore, il chimico tedesco Clemens Winkler (1838-1904). Mendeleev aveva previsto la sua esistenza, denominandolo ekasilicio (eka- in sanscrito significa “uno”), perché avrebbe dovuto occupare una casella vuota della sua tavola periodica tra il silicio e lo stagno

Questo importante micro-minerale è stato recentemente scoperto è studiato da uno scienziato giapponese, che ha scoperto che un'assunzione di 100-300 mg di germanio al giorno migliora molte malattie. Il germanio è inoltre un analgesico di rapida azione; funziona legandosi a molecole di ossigeno, che vengono trasportate nel corpo per migliorare l'ossigenazione cellulare.




L'organismo ha bisogno di ossigeno per far funzionare correttamente il sistema immunitario, mentre l'ossigeno aiuta l'organismo a liberarsi dalle tossine e dai veleni.

Il germanio organico ha un modo efficace per aumentare l'ossigenazione dei tessuti perché agisce come un vettore nello stesso modo dell'emoglobina.


----------



dal latino alumen, “allume”, composto in cui è contenuto

L'alluminio altera il metabolismo del calcio (con demineralizzazione ossea) ed è sospettato essere coinvolto nella malattia di Alzheimer.
L’alluminio penetra in maniera insidiosa nel nostro corpo attraverso i cibi, l’acqua, l’inquinamento e si deposita all’interno di organi e tessuti (soprattutto cervello, ossa e reni) dove esplica la sua azione dannosa.
Sembra che l’assunzione di Calcio e Magnesio contrasti l’assorbimento dell’alluminio, mentre la carenza di Ferro ne favorisca l’assorbimento, poiché Ferro e Alluminio condividono gli stessi sistemi di trasporto. L'Al non eliminato si accumula specialmente nelle ossa.
E’ molto difficile determinare l’intossicazione da alluminio dall’esame del sangue, in quanto vi rimane per troppo poco tempo e viene subito immagazzinato in altri tessuti.




Tra i lati positivi, sembra però anche che moduli anche la secrezione delle endorfine, protegga le funzioni neuro-cerebrali e partecipi alla formazione delle cartilagini articolari. Influisce sui centri della regolazione del sonno senza avere effetto ipnotico e depressivo. Risulta benefico nei ritardi dello sviluppo intellettivo dei bambini e nella sindrome di Down. E' utile nelle insonnie su base ansiosa e in caso di deperimento neuro-fisico. Ha potere adattogeno allo stress nell'adulto.





----------


Arsenico - essenziale
dal greco arsenikón, “maschio, mascolino”, nel senso di “ardito”, per la sua azione sui metalli

Da sempre considerato veleno, si accumulano sempre più prove che inducono a ritenerlo un elemento essenziale. Si accumula in particolare a livello dei capelli e delle unghie, oltre che in fegato, reni, milza, pelle, ossa e muscoli. Ciò che non è eliminato si accumula nei reni. 

I cereali sono la maggior fonte di As durante l'infanzia, inoltre tra le varie fonti anche i fuochi artificiali (i colori bianchi e blu intensi della fiamma), i defoglianti ed alcuni funghicidi nel terreno e nelle coltivazioni e in molti oli combustibili e nel carbone (quando questi due vengono bruciati rilasciano As inquinante); anche in pesci e frutti di mare; assunzione eccessiva di vino.


Gli esseri umani possono essere esposti ad arsenico attraverso cibo, acqua ed aria. L'esposizione può anche avvenire attraverso il contatto della pelle con terreno o acqua contenente arsenico. L'As inorganico può danneggiare il DNA e si ipotizza provocare alcuni tipi di cancro; l'As organico non può causare né cancro né danni al DNA, ma l'esposizione a quantità elevate può avere effetti negativi sulla salute.

In linea generale è ben nota la sua tossicità mentre non è nota alcuna patologia specifica da carenza.
Una caratteristica curiosa è che neutralizza parzialmente la tossicità del Selenio e viceversa.

----------



dal greco brômos, “cattivo odore”; così denominato perché, a temperatura e pressione ambienti, è un liquido rosso-bruno di odore sgradevole e soffocante

Fino a qualche decennio fa veniva usato come tranquillante e anti-epilettico, successivamente fu scoperto che poteva causare danno cerebrale e non è stato più utilizzato.



Può rimuovere il Cl in alcune funzioni del corpo.

Sali di Br vengono usati come sedativi e ipnogeni durante il sonno. Il Bromuro di Sodio assunto in piccolissime dosi è usato per ridurre l'eccesso di tensione nervosa.






----------



dal greco kadmeía (gê), “(terra) cadmia”, ossia di Tebe, città greca fondata dall’eroe mitico Cadmo; il cadmo fu infatti scoperto in varie miniere di zinco e specialmente nel minerale calamina, estratto presso la rocca di Tebe

E' estremamente tossico e viene usato per la produzione dei colori (giallo e rosso) e delle batterie. Nei cibi raffinati la sua presenza è costante a discapito di quella dello zinco, del cromo, del manganese, del ferro e del rame.
Ha una struttura abbastanza simile a quella dello zinco.


Il cadmio può essere assorbito dall’organismo per via cutanea, con il consumo alimentare o per via inalatoria.
Una volta entrato nell'organismo, come il Mercurio Hg, non viene più eliminato e si accumula, o nel caso migliore occorre molto tempo prima che il cadmio accumulato nei reni sia espulso dal corpo umano.
Il cadmio è trasportato al fegato principalmente tramite il sangue. Nel fegato si lega alle proteine per formare complessi che sono trasportati ai reni. Si accumula nei reni, dove danneggia i meccanismi di filtrazione: ciò causa l'escrezione di proteine essenziali e di zuccheri dal corpo ed un ulteriore danno renale.

Sembra diminuire alcune funzioni del sistema immunitario, riducendo la resistenza a batteri e virus.

Tra le possibili fonti di intossicazione, anche il fumo di sigaretta, sia dei fumatori attivi sia di quelli passivi. Ogni giorno immagazziniamo un po' di Cd, quindi fumare a lungo termine intossica.

Note: Lo Zn bilancia il Cd

Nota: il modo in cui i metalli pesanti causano problemi al corpo è spostando o sostituendosi ai minerali che sono vitali per le funzioni essenziali del corpo. 
Il Cd può sostituirsi allo Zn.
Quando accade, il Cd viene immagazzinato nelle ossa e in altri tessuti, quindi rimuoverli è difficile ma soprattutto non possono essere effettuate le funzioni chiave dei metalli sostituiti, in questo caso lo Zn.


----------



Litio - essenziale
dal greco lítheios, “di pietra”; i relativi minerali hanno infatti un aspetto pietroso

Ad alte dosi viene da molto tempo utilizzato per il trattamento delle sindromi depressive gravi. A dosi catalitiche è utile per controllare le contratture muscolari (specie se associato al manganese catalitico) e per migliorare il tono dell'umore.





Il Li agisce a livello del rene, dove annulla l'azione dell'ormone ipofisario; diminuisce la secrezione dell'ormone tiroideo e riduce la concentrazione di Iodio nella tiroide.
Il Li, come l'insulina, aiuta nella regolazione del glucosio nel sangue, che normalmente crea problemi ai malati di psicosi maniaco-depressiva e ai diabetici.






----------


dal latino Mercurius, “Mercurio”, antica divinità latina, figlio di Giove e primo pianeta del sistema solare, in relazione con l’elemento secondo gli alchimisti. Il simbolo è dal greco hýdor, “acqua” e árgyros, “argento”: “argento liquido”, perché, a temperatura e pressione ambienti è liquido e di colore simile all’argento; è uno dei 9 elementi noti fin dall’antichità, con carbonio, oro, argento, rame, zolfo, stagno, piombo e ferro

E' un minerale tossico, particolarmente a livello cerebrale. Le principali fonti di inquinamento per l'uomo sono rappresentate dalle amalgame dentarie, dai residui dello smaltimento delle pile e dai cibi contaminati (es. il pesce).



E' l'unico metallo liquido che si separa dal suo minerale con il calore e la distillazione.

Agente inquinante ambientale diffuso, il 2° più tossico elemento sulla Terra, secondo solo al Plutonio (la quantità di mercurio contenuta in un termometro è sufficiente a contaminare un piccolo lago).

La sensibilità al mercurio varia enormemente da persona a persona, come la naturale capacità del corpo di disintossicarsi.

Si deposita nei reni (50%), il resto nel sangue, ossa, fegato, milza, cervello, cuore e tessuti grassi (Hg è solubile ed attraversa i polmoni entrando nel sangue).
Nota: il mercurio presente nel corpo della madre passa al bambino attraverso la placenta, e dopo attraverso il latte. Presenta un elevato grado di tossicità per il sistema immunitario e per il funzionamento dell'intero organismo, attraverso le otturazioni dentali ad esempio venendo rilasciato continuamente in forma di vapori e microparticelle (vedi in fondo al post sezione su come si comportano i metalli pesanti nel corpo umano e le amalgame dentali).


----------


Nickel - essenziale
dal tedesco Kupfernickel, “spiritello del rame”: quello che i minatori sostenevano non facesse trovare loro il rame

Oligo-elemento essenziale coinvolto nella protezione delle membrane cellulari. E' più comunemente noto quale causa di allergie da contatto (cinturini di orologio, anelli, orecchini ecc.). La sua carenza può determinare un minor controllo glicemico e ridurre l'assorbimento del ferro.





Note: l'assunzione di Nichel si amplifica quando la gente mangia grandi quantità di verdure provenienti da terreni inquinanti. Le piante sono note accumulare il nichel e di conseguenza l'assunzione del nichel dalle verdure e' rilevante. I fumatori sono soggetti ad un più alto assorbimento di nichel tramite i loro polmoni.

Gli esseri umani possono essere esposti a nichel respirando aria, bevendo acqua, mangiando certi alimenti o fumando sigarette.

----------


dal latino plumbum, “piombo”, di origine indoeuropea; è uno dei nove elementi noti fin dall’antichità, con carbonio, oro, argento, rame, zolfo, stagno, mercurio e ferro

Minerale molto tossico, battuto solo da Cadmio e Mercurio; la principale fonte di inquinamento per l'uomo è lo smog cittadino (specie da traffico), il fumo di sigarette e l'acqua dei rubinetti. Più esposti sono i bambini in cui una intossicazione da piombo può manifestarsi con ridotta resistenza alle malattie infettive e danni al DNA
Il Pb ingerito viene riassorbito solo per il 5-10%, mentre la metà del Pb respirato finisce nel sangue.


Il 90% del Pb nel corpo umano si fissa sulle ossa.
La quantità di Pb assorbita e poi eliminata attraverso l'urina è in media 0,5 mg/giorno.
In un adulto il tasso di Pb tollerato è 0,4 mg per litro di siero. Se questo tasso raggiunge 0,5 mg (abitare vicino autostrade), il limite di tollerabilità è superato e insorgono sintomi di intossicazione come aggressività, mal di testa, nervosismo, agitazione, inappetenza, diarrea e lesioni renali.

Nota: il modo in cui i metalli pesanti causano problemi al corpo è spostando o sostituendosi ai minerali che sono vitali per le funzioni essenziali del corpo
Il Pb si sostituisce al Ca.
Quando accade, il Pb viene immagazzinato nelle ossa e in altri tessuti, quindi rimuoverli è difficile ma soprattutto non possono essere effettuate le funzioni chiave dei metalli sostituiti, in questo caso il Ca.

Nota: avendo sapore dolciastro e i bambini succhiando o mangiando scaglie di vernice staccate da superfici verniciate a smalto, si verificano spesso casi di avvelenamento da Pb.

Nel corpo umano interferisce con gli elementi essenziali Ca, Cu e Zn; interrompe parecchi sistemi degli enzimi delle cellule rosse del sangue, riduce la sintesi dell'emoglobina, reagisce con le membrane cellulari facendole diventare più permeabili e causandone il danneggiamento o addirittura la morte. Nel cervello può provocare disfunzioni rendendo inattivi enzimi che dipendono da Zn, Cu e Fe.
Si deposita comunemente nelle ossa, ghiandole surrenali, tiroide, aorta, fegato e altri tessuti molli.

----------


Stagno - essenziale
dal latino stannum, “stagno”; il termine fu usato da Plinio il Vecchio in riferimento a una lega tra argento e piombo, piuttosto che allo stagno in sé, noto all’epoca come piombo bianco; lo stagno è uno dei 9 elementi noti fin dall’antichità, con carbonio, oro, argento, rame, zolfo, piombo, mercurio e ferro

Essenziale per la crescita, la sua carenza provoca caduta dei capelli, eczema e riduzione della forza muscolare. La principale fonte è rappresentata dal cibo inscatolato soprattutto se esso viene conservato in lattine aperte, a causa dell'ossidazione all'aria.



Dove si deposita: lo Sn inorganico prima nei reni e fegato, poi gradualmente nel tessuto osseo ma solo temporaneamente
Lo Sn organico in cervello, fegato, reni, sistema linfatico.
Tempo permanenza nel corpo: 5-100 giorni.
Note: gli esseri umani possono assorbire i legami dello stagno attraverso gli alimenti, la respirazione ed attraverso la pelle.








----------


Tungsteno - essenziale
dallo svedese tung, “pesante”, e sten, “pietra”: “pietra pesante”, con allusione al suo alto peso specifico; il simbolo è tratto invece da “wolframio”, altro nome con cui è noto, derivato da “wolframite”, il minerale da cui è tratto; di etimologia incerta, questo nome sembra legato al tedesco Wolf, “lupo”, con il quale gli alchimisti indicavano le sostanze capaci di ‘rubare’ lo stagno dal bagno di fusione




La sua importanza è legata all'interferenza con altri minerali come il rame e il molibdeno.
- trasferimenti di Ossigeno e attivazione dell'Azoto N










----------


                                  Per i restanti elementi non essenziali ma presenti nel corpo umano, 
                                                                   metto solo un accenno



Antimonio
dall’arabo al ithmid, “antimonio”; secondo altri, “antimonio” deriverebbe dal greco antí-, “contro” e mónos, “solo”: “contro la solitudine (in senso lato)”, in quanto associato sempre ad altri minerali. Il simbolo deriva invece dal latino stibium, “antimonio” (per la verità un cosmetico a base di antimonio usato per tingere di nero le sopracciglia)

Fonti: nei fertilizzanti, tabacco, leghe per saldatura, estrazione mineraria, acqua e aria, utensili da cucina e in aggiunta al rivestimento vetroso degli articoli in ceramica.

Si accumula nei capelli e, se in elevati livelli, danneggia tratto gastrointestinale, fegato, reni e cuore.
Il non eliminato resta in fegato, ghiandole surrenali, tiroide, milza, reni, sangue, capelli.

L'esposizione umana all'antimonio può avvenire respirando aria, mangiando cibi e bevendo acque che lo contengono, ma anche attraverso il contatto della pelle con il terreno, l'acqua ed altre sostanze che lo contengono.



Bario
dal greco barýs, “pesante”; il nome è tratto da quello della barite, il più importante minerale da cui si estrae, conosciuta in passato anche come “terra pesante” con riferimento all’alta densità, circa doppia di quella degli altri composti di aspetto simile

Bassa tossicità a piccole dosi. Quando assorbito il Ba può rimuovere il K all'interno delle cellule e causare problemi al tono muscolare, alle funzioni del cuore e al sistema nervoso.
Fonti: in composti usati nei test medici con impiego di raggi X, ceramica, plastica, tessuti e coloranti, additivi dei combustibili, carte, sapone, gomma, produzione vetro, vernici e antiparassitari.



Berillio
dal greco béryllos, “berillo”, nome, di origine indiana, di una pietra preziosa di colore verde-azzurro: l’acquamarina (verdeazzurra) e lo smeraldo (verde) sono minerali del berillo con particolari impurità

Uno degli elementi più tossici per noi. Può ridurre i depositi di Mg e rallentare le funzioni degli organi.
Fonti: insegne al neon, dispositivi elettrici, in una lega nelle ruote di biciclette, canne da pesca, articoli casalinghi in metallo, scarichi industriali e gas di scarico.


Bismuto
dal latino bisemutum, “bismuto”; l’etimologia di questo termine, dovuta a Paracelso, nome latinizzato del medico svizzero Theophrastus Bombastus von Hohenheim (1493-1541), è però discussa. Egli lo riconduceva alla parola tedesca Wissmut, perché estratto (gemutet) in Sassonia nella località di S. Giorgio nei prati (in den Wiesen); secondo altri deriverebbe invece dall’antico tedesco Weissmuth, “materia bianca”, perché allo stato elementare il bismuto è un metallo lucente di colore bianco; altri ancora ne affermano la derivazione dal greco psimúthion, “biacca, sostanza colorante bianca”. Attualmente, l’origine più accreditata sembra l’arabo itmid, “antimonio”, perché in passato il bismuto veniva scambiato per antimonio, che appartiene allo stesso gruppo del bismuto e ha un aspetto molto simile ad esso

Tossico solo con esposizione prolungata o uso eccessivo.
Fonti: acqua, cibo e un po' nell'aria, alcune medicine comuni come i rimedi per l'acidità di stomaco.


Uranio
dal greco Ouranós, “Urano”; individuato nel 1789 da Martin Heinrich Klaproth (1743-1817), prese il nome dal pianeta Urano, scoperto 8 anni prima

Elemento radioattivo che si disintegra in Pb.
Fonti: alcune fonti di acqua potabile, sia di città che di pozzo, contengono U; parte del suolo e polveri.
L'ingestione umana di U tramite gli alimenti e l'acqua ha un basso assorbimento e una eliminazione giusta. L'intossicazione eventuale colpisce i reni.
Si accumula nel tempo nello stesso modo delle sostanze inalate fumando.
Può penetrare la barriera emato-cerebrale e i tessuti nervosi, provocando lo sviluppo di sintomi nel Sistema Nervoso Centrale. Può anche entrare, come tutti i metalli, nel feto tramite il cordone ombelicale e il latte materno.


Stronzio
da Strontian, nome del villaggio scozzese (Highlands occidentali) nelle cui miniere era estratta la stronzianite, il minerale da cui fu isolato

Simile al Ca.

Si deposita soprattutto nelle ossa.
A seguito di ricaduta radioattiva, lo Sr radioattivo si fissa sulle piante, penetra quindi nel latte delle mucche e poi nelle ossa dell'uomo che lo beve. Può emettere radiazioni nocive per molto tempo e determinare trasformazioni di tipo cancerogeno.



Rubidio
dal latino rubidum, “rosso scuro”; per il caratteristico colore delle righe del suo spettro di emissione

Elemento molto raro.
Ha proprietà simili a quelle del K, che può sostituire nei sistemi enzimatici.
(Rb, Zr e Nb hanno funzioni importanti anche se non ancora chiare)



Argento
dal greco árgyros, “argento”, a sua volta da argós, “bianco, splendente”; è uno dei nove elementi noti fin dall’antichità, con carbonio, oro, rame, zolfo, stagno, piombo, mercurio e ferro

Presente in tracce nel cervello, fegato, intestino, polmoni.
Metallo altamente batteriostatico (una quantità minima di metallo ostacola il diffondersi dei batteri);
Cu e Au ne aumentano l'effetto.
Esiste una medicina che associa Cu, Au e Ag a piccole dosi per aumentare la resistenza dell'organismo ai microbi comuni presenti nelle vie respiratorie superiori.

Radio
dal latino radius, “raggio”; originariamente, il nome ne indicava l’isotopo più importante, il 226, scoperto per primo; fu poi esteso all’elemento per richiamarne la proprietà di emanare raggi in grado di impressionare una lastra fotografica, poi detta “radioattività”. Scoperto nel 1898 da Marie Sklodowska Curie (1867-1934), è il più famoso tra gli elementi radioattivi naturali (e il più pesante del gruppo dei metalli alcalino-terrosi)

Il radio viene trattato dall'organismo come il Ca e depositato nel tessuto osseo, dove la radioattività ne degrada il midollo e può indurre mutazioni nelle cellule ossee.
E' un prodotto di decadimento dell'U ed è perciò reperibile in tutti i minerali che ne contengono.
Il radio e il suo prodotto di decadimento iniziale (il 86Rn-radon) sono radioattivi.



Titanio
dal greco titán, “titano”, nome generico dei sei giganti mitologici figli di Urano (il Cielo) e Gea (la Terra); così denominato per la sua alta resistenza meccanica

Il titanio viene utilizzato nelle leghe leggere resistenti e nei pigmenti bianchi; si trova in numerosi minerali (i principali sono il rutilo e l'ilmenite). Il titanio non è tossico, e non risulta essenziale per nessuna specie vivente.

Ha la proprietà di essere biocompatibile: lo strato di ossido che forma in superficie fornisce un valido attacco per i tessuti biologici, in particolare quello osseo. Per questo motivo il titanio puro CP4 e la lega a base di titanio Ti6Al4V vengono utilizzati nelle componenti protesiche di anca e ginocchio, per la fabbricazione di clips chirurgiche da sutura permanente ed in odontoiatria per la realizzazione di impianti dentali. Tuttavia dato l'alto coefficiente di attrito non viene mai utilizzato come componente di giunzione articolare.
Il suo essere inerte e la colorazione attraente lo rendono un metallo popolare per l'uso nei piercing.
Il titanio viene usato per le lenti degli occhiali.


Zirconio
dall’arabo zerqun, “color oro”, a sua volta dal persiano azargun, composto da azar, “fuoco”, e gun, “colore”

Le leghe metalliche di zirconio sono largamente impiegate negli impianti nucleari a causa della bassa sezione di assorbimento per i neutroni, sia come rivestimento del combustibile nucleare sia nelle strutture di sostegno del nocciolo, e inoltre per la loro resistenza alla corrosione in acqua.
I tessuti umani tollerano facilmente questo metallo, che quindi è adatto per giunti e protesi artificiali impiantabili, nonché nella realizzazione di strutture per protesi dentarie.
(Rb, Zr e Nb hanno funzioni importanti anche se non ancora chiare)


Niobio
dal greco Nióbe, “Niobe”, mitica figlia del re della Lidia Tantalo; perché affine al tantalio. Charles Hatchett (1765-1847), il suo scopritore, l’aveva denominato colombio (Cb); il nome “niobio”, proposto da H. Rose (1759-1864), fu definitivamente adottato solo nel 1949

Si estrae dalla niobite e viene principalmente impiegato nella produzione di leghe metalliche speciali ed in saldature ad elevata resistenza.
La proprietà chimiche del niobio sono sostanzialmente simili a quelle del Tantalio.
Solitamente in lega, per via del suo colore blu è usato anche come motivo estetico in piercing e gioielleria.
In leghe ad alta purezza con ferro, nichel e cobalto viene impiegato in ambito aeronautico ed aerospaziale per la realizzazione di parti di motori jet, parti di razzi e strutture resistenti alle alte temperature.
(Rb, Zr e Nb hanno funzioni importanti anche se non ancora chiare)


Cesio
dal latino caesius, “grigio azzurro”; per il colore delle sue righe spettrali

È un elemento presente in piccole quantità nei terreni, nelle acque, negli organismi animali e vegetali.
L'uso più importante del cesio è negli orologi atomici.
Gli isotopi radioattivi di cesio si usano in medicina per trattare alcuni tipi di cancro.
Il cesio reagisce in modo esplosivo se viene a contatto con l'acqua ed è blandamente tossico, solo una esposizione a grosse quantità può causare iper-irritabilità e spasmi muscolari, data la sua affinità al K; alcuni dei suoi radioisotopi presentano un'altissima tossicità radiologica. L'idrossido di cesio è una base estremamente forte e può corrodere il vetro.
Questo metallo è stato usato anche in astronautica per sistemi di propulsione a ioni per sonde spaziali (vedi post atmosfera terrestre 4/4).
Il cesio-137, in analogia col cobalto-60, è stato usato per la sterilizzazione per irradiazione di cibi o sostanze come il tabacco.

Oro
dal latino aurum, “oro”, di origine indoeuropea; è uno dei nove elementi noti fin dall’antichità, con carbonio, argento, rame, zolfo, stagno, piombo, mercurio e ferro

L'oro colloidale viene utilizzato in un particolare tipo di elettroforesi, una metodica di diagnostica medica.
Realizzazione di otturazioni e ponti in odontoiatria.
In sospensione colloidale è oggetto di studio per applicazioni biologiche e mediche.
L'aurotiomaleato di disodio è un farmaco per la cura dell'artrite reumatoide.
L'isotopo radioattivo 198Au (emivita di 2,7 giorni) è usato in alcune terapie anti-tumorali.


Tantalio
dal latino Tantalus, “Tantalo”, il mitico re della Lidia condannato dagli dei a un atroce supplizio: tra altro, pur circondato dall’acqua, non poteva berne; il nome alluderebbe pertanto al fatto che l’elemento non è intaccato dagli acidi comuni

È piuttosto raro in natura e si trova nel minerale tantalite.
Il tantalio ha moltissime applicazioni: si usa in strumenti chirurgici e negli impianti di protesi intracorporee, perché non reagisce con i fluidi del corpo, ma anche nella realizzazione di condensatori di ridotte dimensioni per il mondo dell'elettronica di consumo e la telefonia mobile.
Il tantalio è molto resistente alla corrosione: per temperature al di sotto dei 150 °C lo si può considerare del tutto immune agli attacchi chimici, perfino a sostanze estremamente aggressive.
Per la sua inerzia chimica, il tantalio si usa anche per i ferri chirurgici e per le clips da sutura chirurgica.
In medicina si utilizza in componenti protesiche di anca, ginocchio e spalla.




Ed ora, andando versi la conclusione del post, vediamo 
una sezione molto sintetica ed utile sulla
combinazioni degli elementi
a cui seguirà un'altra sui metalli pesanti nel corpo.






































Riepilogo ed integro i dati schematici della tabella qui sopra che riguardano le combinazioni di alcuni elementi chiave; può essere utile e divertente come promemoria a colpo d'occhio andare a vedere quali elementi in combinazione costituiscono quali tessuti od organi:



Idrogeno, Ossigeno, Carbonio, Azoto (H, O, C, N) 
costituiscono la maggior parte della massa corporea

Idrogeno e Ossigeno 

(H e O) sono presenti in grande quantità come Acqua (H2O)

Carbonio, Idrogeno ed Ossigeno 

(C-H-O) si combinano formando Carboidrati e Grassi

Carbonio, Idrogeno, Ossigeno ed Azoto 

(C-H-O-N) si combinano per formare le Proteine


Ossigeno + Calcio (O-Ca) = ossa, denti, pelle
Ossigeno + Ferro (O-Fe) = globuli rossi
Ossigeno + Zolfo (O-S) = circolazione

Carbonio + Silicio (C-Si) = denti, tessuti connettivi
Carbonio + Ossigeno (C-O) = pelle, capelli, unghie

Idrogeno + Ossigeno + Sodio 
(H-O-Na) = sangue e tutte le cellule nel corpo


Azoto + Potassio (N-K) = muscoli, cartilagine, tessuti
Azoto + Cloro (N-Cl) = legamenti, tendini, polpa magra

Calcio + Carbonio (Ca-C) = ossa e denti

Fosforo + Sodio (P-Na) = sangue e cervello


Potassio + Calcio (K-Ca) = sangue, tessuti duri (ossa, denti)
Potassio + Fosforo (K-P) = tutte le cellule


Fosforo + Calcio
(P-Ca) = agiscono spesso in stretta associazione; il mantenimento dell'equilibrio calcio-fosforo è fondamentale nel trattamento di condizioni di stress e può essere utile nell'alleviare i sintomi dell'artrite

Cloro e Sodio 
(Cl-Na) = importanti costituenti dei liquidi corporei

Cloro e Azoto 
(Cl-N) = epitelio, nervi

Magnesio, Ferro e Iodio 
(Mg-Fe-I) = l'attività del cervello, dei nervi e dei muscoli


Ferro e Rame 
(Fe-Cu) = strettamente legati, costituenti essenziali dell'emoglobina e della mioglobina muscolareFerro nell'emoglobina (sangue) e Rame facilita l'assorbimento del Ferro e la sintesi dell'emoglobina. Entrambi costituiscono enzimi

Rame e Zinco
(Cu << >> Zn) = sono antagonisti, quindi l'assunzione di grosse dosi dell'uno può provocare una carenza dell'altro

Zinco in eccesso
(Zn versus altri metalli) = eccesso di Zn prolungato può causare carenze secondarie di altri metalli

Ferro, Rame, Cobalto, Molibdeno + vit B6, E, C 
(Fe, Cu, Co, Mo +B6,E,C) = il metabolismo del Ferro è positivamente influenzato da questi elementi e vitamine


Iodio e Cobalto 
(I-Co) = elementi di bio-regolazione corporea (Iodio componente essenziale degli ormoni tiroidei e il Cobalto che partecipa alla reazione di fissazione dello I)

Iodio, Ferro
(I-Fe) = tiroide, sangue, midollo spinale

Iodio, Magnesio

(I-Mg) = nervi, cervello, ossa

Iodio, Fosforo

(I-P) = metabolismo



Calcio, Fosforo, Zinco, Magnesio, Silicio, Fluoro 
(Ca-P-Zn-Mg-Si-F) = ossa e denti

Calcio + Silicio, Boro, Magnesio 
(Ca, Si, B, Mg) = in corso di osteoporosi l'aggiunta di Ca è efficace solo se contemporanea all'assunzione degli altri elementi capaci di fissare il Calcio

Silicio, Boro, Magnesio
(Si-B-Mg) = particolarmente utili per le fratture ossee

Silicio, Ferro
(Si-Fe) = sangue, muscoli, nervi

Silicio, Fosforo

(Si-P) = pelle, unghie, capelli



Zolfo e Selenio
(S-Se) = partecipano alla composizione di alcuni amminoacici indispensabili per capelli, unghie, cute

Selenio e Vitamina E 
(Se + vit. E) = tra le attività strettamente intrecciate, anche l'effetto protettivo nei confronti delle malattie cardiovascolari

Selenio versus Mercurio, Arsenico, Cadmio, Argento
(Se versus Hg, As, Cd, Ag)ruolo antagonista nei confronti di questi metalli pesanti, svolgendo azione preventiva contro gli effetti tossici


Cobalto (Co) = 1 atomo è contenuto in una molecola di vitamina B12

Cobalto, Manganese, Rame, Ferro

(Co-Mn-Cu-Fe) = in associazione sono utili per il trattamento delle anemie



Sodio, Potassio, Calcio e Fosforo
(Mn-K-Ca-P) = regolano l'equilibrio acido-base dell'organismo

Sodio e Potassio
(Na-K) = regolano l'equilibrio acido-base dell'organismo, il bilancio idrico (eliminazione di vari liquidi dall'organismo), esercitano un'influenza sulla pressione osmotica nei tessuti e la funzionalità nervosa (determinano la differenza di potenziale a livello delle membrane cellulari, fenomeno indispensabile per la eccitabilità delle cellule nervose e miocardiche)

Sodio, Zolfo 
(Na-S) = membrana mucose

Zolfo, Potassio 

(S-K) = sangue

Fluoro, Potassio 

(F-K) = unghie, capelli, sangue, pelle

Magnesio, Potassio 

(Mg-K) = sangue, nervi, muscoli

Rubidio versus Potassio
(Rb versus K) = Rb ha proprietà simili a quelle del K, che può sostituire nei processi enzimatici

Sodio, Calcio 
(Na-Ca) = pelle, nervi

Ferro, Sodio 

(Fe-Na) = sangue, ossa, cervello

Ferro, Idrogeno

(Fe-H) = muscoli etc



Manganese, Zinco e vitamina B6 
(Mn-Zn+B6) = agiscono in sinergia 

Manganese, Zinco, Molibdeno, Vanadio, Nichel, Magnesio 
(Mn-Zn-Mo-V-Ni-Mg) = co-fattori di enzimi

Manganese, Ferro
(Mn-Fe) = emoglobina, linfa



Cromo, Zinco e Selenio 
(Cr, Zn, Se) = il metabolismo del Cromo è positivamente influenzato dallo Zinco e dal Selenio


Rame, Magnesio, Manganese
(Cu+vit.C, Mg+vit.C, Mn+vit. C) = indispensabili ciascuno per l'attività della vit. C, di cui facilitano l'ossidazione


Cadmio, Rame, Manganese
(Cd, Cu, Mn versus Zn) = un eccesso di uno di questi elementi inibisce l'azione biologica dello Zn



2 tabelle per voi, una con in sintesi la funzione di alcuni singoli elementi...
























... l'altra con il ruolo fisiologico di alcune serie di elementi metallici


















Qui invece un riassunto schematico delle quantità ppm (particelle per milione) di elementi nel corpo umano di un adulto di 70 kg di massa corporea





































Due schede riepilogative degli elementi principali.























































                                                                                                                                Un esempio pratico di quanto elementi chimici apparentemente "lontani" da noi siano invece necessari e presenti nella nostra alimentazione, addirittura a livello quotidiano:                  perché "chimica" non è solo quella che si fa in laboratorio e solo da tecnici esperti o professionisti laureati.                                                                                                                                                                                                                                                                                          No, chimica è anche tutto quello che succede "dentro" e "fuori" dal nostro corpo, nell'aria, nella terra, nel fuoco, nell'acqua, indipendentemente dal fatto che ne siamo consapevoli o no.                                                                                 Chimica è dappertutto, e noi "siamo" chimica.                                                                                                                                                                                       I 4 foglietti che seguono segnalano gli elementi presenti in due tipi di integratori alimentari che si trovano comodamente in molti supermercati. Se fate attenzione trovate proprio gli elementi sui quali ho preparato questi post.                                                                                                                            
                                                                                               
 
                                               



                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         
Per concludere è giusto anche fare una piccola parentesi sul lato pericoloso di alcuni elementi (estratto dalla Tesina di Cristiana Di Stefano):


come i metalli pesanti agiscono sul corpo umano, 
una volta entrati ?


Come abbiamo visto, alcuni elementi sono presenti fin dalla nascita perché costituiscono il nostro corpo, altri sono presenti assorbiti attraverso l'ambiente di vita.
Gli elementi potenzialmente tossici sono presenti nel nostro corpo in varie quantità, continui studi cercano di chiarire il tipo di effetti che producono e in quale quantità diventano pericolosi per il nostro organismo, ma molti in quantità infinitesimali non provocano danni (anche se su questo punto ci sono ancora discussioni in corso in ambito scientifico).




Durante i Fuochi Artificiali spettacolari, i colori assunti in base al tipo di elemento di cui sono composti.




























                                                                                                                                                       Tossicità dei metalli                                                                                                                                                                                                                      Occorre premettere che i "metalli" sono essenziali per mantenere un corretto metabolismo.
Essi possono avere un diverso effetto sull’organismo in funzione della quantità assunta ed in quanto tempo essa viene assunta:                                                                                
- avvelenamento acuto (tanto in poco tempo)
- intossicazione cronica (piccole innocue quantità per lungo tempo)                                                                                                                
In particolare in quest’ultimo caso si ha il bio-accumulo: esso è dovuto al fatto che i metalli pesanti tendono ad accumularsi con il tempo nel nostro organismo, perché esso non è in grado di eliminarli oppure riesce solamente per una modesta quantità.                                                                                                                                                                
                             
I metalli non hanno tutti lo stesso grado di tossicità: il livello sopportabile dal corpo umano di un metallo è correlabile alla quantità che serve al metabolismo stesso per funzionare correttamente.                                                                                                                               L’eccesso porta di conseguenza al bio-accumulo sopra citato.
Metalli che non fanno parte del metabolismo o dei quali è richiesta una modesta quantità tendono ad essere i più pericolosi, perché provocano facilmente dei bio-accumuli.                                                                                                                                                                                      Dalla tabella quindi si deduce il seguente grado di tossicità per i relativi metalli:                     -----tossicità elevata per Sb, As, Cd, Cr, Hg, Ni, Pb                                                                       ---tossicità moderata per Mn, Cu, Se, Zn                                                                                       -tossicità molto bassa per Al, Ag, Sn, Sr, Tl                                                                                                                                                                                                                                                    Estratto da "contaminazioni alimentari da metalli non ferrosi" del Prof. Diego Colombo, Università Studi di Trento, Facoltà di Ingegneria                                                                                                            




In che modo assumiamo questi elementi pesanti: 

- inquinamento atmosferico ("particolato", ne avrete già sentito parlare spesso nei Tg o quando nella vostra città scattano misure anti-inquinamento con blocchi di alcuni tipi di veicoli classe euro...; ma anche, come avete visto in una parentesi precedente, esponendosi ai pur spettacolari Fuochi d'artificio)
- alimentazione (anche tramite le fasi di produzione, stoccaggio e trasporto di generi alimentari)
- medicinali 
- utensili domestici di cucina 
- dentifrici
- cosmetici 
- amalgame dentali 
- borotalco 
- filtri sigarette 
- alcune acque potabili 
- the commerciali 
- lievito e così via

Nel "particolato" atmosferico sono presenti metalli di varia natura. Tra i principali ci sono
- Cadmio - Cd
- Zinco - Zn
- Rame - Cu
- Nichel - Ni
- Piombo -Pb
- Ferro - Fe

Ormai dovreste essere in grado, a forza di averli visti, di riconoscere facilmente i loro simboli; in ogni caso avete modo di allenarvi abbondantemente tra i post di questa serie.

Da cosa è costituito l'inquinamento atmosferico?
(vedi anche post l'atmosfera terrestre 1/4 credo)

- fumi da fabbriche
- inceneritori
- inquinamento domestico
- traffico veicolare
 Casi particolari
- le amalgame dentali in argento emettono vapori di mercurio - Hg (il mercurio evapora alla temperatura corporea) 24 ore su 24, che vanno a depositarsi in ogni parte del nostro organismo, preferibilmente nel cervello. Dopo 7-10 anni al massimo che sono impiantate in bocca, si ossidano, con la conseguenza che l’organismo spesso inizia a soffrire di infezioni croniche, molto più spesso si verificano alle vie urinarie.




Equivoco 1
Un errore che spesso si commette è pensare che la tossicità delle amalgame nel tempo possa esaurirsi, che il mercurio evapori ed esca dal corpo quando espiriamo, o venga eliminato, nel tempo, con le urine ed altre fantasie simili.


Correzione 1

I metalli pesanti non possono essere eliminati

Equivoco 2
Allo stesso tempo altri credono che assumendo *chelanti chimici o naturali, pur mantenendo le amalgame, questi possano eliminarne la tossicità.


(*chelazione: in un complesso molto stabile, l'atomo centrale del metallo pesante viene circondato a tenaglia dal chelante, come se fosse stretto tra le "chele" di un granchio -da qui chelazione-. In ambito biologico tramite chelazione l'emoglobina lega il Fe e la clorofilla lega il Mg. Nella terapia "chelante" avviene il trattamento di alcune intossicazioni dovute all'accumulo di metalli nell'organismo: una volta chelato, il metallo perde la sua tossicità e viene eliminato assieme al chelante. Il processo di chelazione (il chelante si lega al chelato per eliminarlo) tuttavia deve essere fatto bene e con adeguata consulenza medica, poiché non distingue tra gli elementi e finisce col favorire l'eliminazione anche di nutrienti fondamentali come ad esempio Na, Ca e K, che come abbiamo visto possono essere sostituiti da metalli pesanti.)



Correzione 2

Purtroppo l’unico modo di rimuovere le amalgame è rimuoverle in protocollo protetto: trapanarle significa fissarle perennemente nel nostro corpo rendendo la disintossicazione molto più lunga e complicata.





A causa dell’inquinamento in generale 

(a causa dei fumi emessi da 
- fabbriche, 
- inceneritori, 
- inquinamento domestico e da 
- traffico veicolare con il cosiddetto "particolato"

elementi tossici spesso anche sottoforma di nanoparticelle quindi ancor più dannosi per l’organismo, vengono inalati o assorbiti dalla pelle (poiché trattenuti anche dai vestiti, vedi anche Fuochi artificiali).

- Co - Cobalto
- Cu - Rame
- Fe - Ferro
- Mn - Manganese
- Mo - Molibdeno
- V - Vanadio
- Sr - Stronzio
- Zn - Zinco

Livelli eccessivi di metalli essenziali possono essere nocivi all'organismo.
Le emissioni ad esempio di Pb, Cu e Zn sono aumentate di 10 volte verso la fine degli anni '90.


Questi elementi, una volta penetrati nell’organismo umano vi rimangono per sempre, poiché il nostro corpo può eliminarne solo piccole quantità ogni giorno.






I metalli pesanti agiscono sul corpo e creano problemi spostando o sostituendosi ai minerali che sono vitali per le funzioni essenziali del corpo.

Ad esempio
Il Pb si sostituisce al Ca
Il Cd può sostituirsi allo Zn

Quando accade, Cd e Pb vengono immagazzinati nelle ossa e in altri tessuti: di conseguenza rimuoverli è difficile ma soprattutto non possono essere effettuate le funzioni chiave di Ca e Zn, i metalli sostituiti.

Metalli pesanti tossici e pesticidi possono entrare in contatto con i cibi (e venire quindi assunti dall'uomo) durante le fasi di produzione, stoccaggio e trasporto di generi alimentari. I composti chimici dannosi migrano dai materiali di imballaggio o dai contenitori al cibo.
La maggior minaccia per la salute umana è rappresentata da Hg, Cd, Pb e As.

L'aumento di consumo di cibi in scatola ha inoltre provocato un aumento dei livelli di contaminazione da metalli quali Fe, Cr, As, Ni, Cu, Al e Sn che possono essere ceduti all'alimento dal contenitore.


Un cenno particolare meritano
le "nanoparticelle" di metalli non necessariamente tossici che hanno contaminato i cibi. Noi assimiliamo il ferro mangiando i carciofi, o le uova, ma il ferro assimilato attraverso i cibi è della grandezza di un atomo, di una molecola. La nanoparticella di ferro è molto più grande di un atomo, di una molecola. Non possiamo scinderla, assimilarla.
Sicché entra nel nostro organismo esattamente come una pallottola.

Queste causano patologie gravissime persino nelle generazioni future. Le nanoparticelle infatti possono addirittura penetrare nelle cellule e nel liquido spermatico, causando malattie potenzialmente mortali e malformazioni nei nascituri. La fonte più conosciuta di emissione di nanoparticelle sono gli inceneritori.
Tutti gli elementi tossici sopra descritti vengono emessi dagli inceneritori e per di più quindi sotto forma di nanoparticelle.



L’organismo non tollera né le carenze né gli eccessi dei minerali.







Tali situazioni portano ad un alterato equilibrio funzionale, che spesso si esprime con patologie di difficile diagnosi.
Tali condizioni di alterato rapporto minerale non sono evidenziabili con le comuni analisi di laboratorio su sangue ed urine.

- Il Mineralogramma (o Tissutal Mineral Analysis = TMA) è un’analisi di laboratorio che si può effettuare su una piccola quantità di annessi cutanei (capelli,  peli pubici, unghie). Tale metodica è considerata equivalente ad un esame bioptico (biopsia = prelievo di un tessuto corporeo) ed è utilizzata per la determinazione dei livelli minerali intracellulari. come mezzo di prevenzione.
Altra applicazione importantissima del Mineralogramma è la determinazione del livello dei metalli tossici (Piombo, Mercurio, Cadmio. Alluminio).

Perché usare il capello?
•    Il metodo è semplice e incruento
•    Il capello non necessita di trattamenti particolari per la conservazione
•    I livelli dei minerali nei capelli sono 10 volte circa più alti che nel sangue
•    I capelli sono la sede di deposito dei vari minerali, compresi i metalli tossici
•    Solamente i capelli consentono un riscontro del livello minerale intracellulare

Ripetendo il Mineralogramma ogni 6 mesi, si ha la possibilità di un effettivo riscontro del riequilibrio o meno dei minerali e dei loro rapporti.





Concludiamo il post con qualche immagine finale.






























































Vi ringrazio per avermi accompagnato fin qui e vi aspetto al prossimo post diviso in 2 sezioni, nel quale ripassiamo un po' insieme la chimica di base; tale ripasso risulterà fondamentale per poter arrivare al momento clou di questo viaggio, l'Evoluzione Stellare, senza perderci subito in concetti troppo lontani e complicati. 
Vi consiglio caldamente quindi di non saltare le 2 sezioni e alla fine vedrete che sarete premiati dal piacere della comprensione.


Vi ricordo i link dei post che fanno parte di questo argomento:
"Siamo polvere di stelle" 1/4 - gli elementi del corpo umano e della Terra
"Siamo polvere di stelle" 3/4_A - l'ABC dell'Atomo
"Siamo polvere di stelle" 3/4_B - Tavola Periodica degli Elementi
"Siamo polvere di stelle" 4/4 - Evoluzione Stellare: le Stelle come fucine degli elementi



Link usati per il post:

un ringraziamento particolare al Liceo Rodolico per l'esauriente spiegazione etimologica del significato di ciascun elemento
http://www.liceorodolico.it/appunti/lim/IVF/SCIENZE/I%20nomi%20degli%20elementi%20e%20la%20loro%20origine-tottola%20biennio.pdf

"Salvate il vostro corpo!: prevenire e guarire le malattie moderne" di Katherine Kousmine

http://www.webcristiana.it/tesieff.htm

http://www.ing.unitn.it/~colombo/Contaminazioni.htm





0 commenti:

Posta un commento

Condividi

 
Copyright © a piedi nudi nel Parsec. All rights reserved.