sabato 6 giugno 2015

Ammassi e SuperAmmassi di Galassie 2/3

Cluster Abell 2744




































Se vi siete persi il primo post Vicinato e Gruppi di Galassie 1/3 andate prima a darci un'occhiata, vi servirà per capire da dove siamo partiti e dove stiamo andando, visto che il viaggio è notevole. Se invece volete solo guardare cosa succede in questo post, benvenuti, siete a 2/3 del viaggio. Nel caso invece vogliate saltare direttamente al terzo ed ultimo post, ecco qui il link Vuoti e Strutture Giganti 3/3.

Le galassie si riuniscono tramite reciproche interazioni gravitazionali in strutture molto più grandi costituite da Gruppi, Ammassi (Clusters) e SuperAmmassi (SuperClusters).

Nel precedente post, abbiamo iniziato a vedere il primo dei 3 grandi agglomerati di Galassie, i Gruppi. Ora andiamo avanti. I Gruppi a loro volta sono ordinati in

A m m a s s i  di galassie
Galaxy Clusters (C)

Sono agglomerati con dimensioni nell'ordine di 20-30 milioni di AL. In genere possono contenere fino a 1.000 galassie e svariate nubi di gas anche molto attivo. 

il "Quintetto di Stephan", gruppo di galassie molto caro agli astrofili, ma estremamente sfuggente






































Esempi ben studiati di tali oggetti sono gli ammassi della Fornace e della Vergine.

Fornace, Hubble Extreme Deep Field






























Fornace, dettaglio



































Ammasso Coma, Costellazione Chioma di Berenice





























E' un po' sfocata, ma ci serve per partire con le dimensioni

























































30 milioni di AL




Guardate qui sopra: vi ricordate il Gruppo Galattico Locale? (post Vicinato e Gruppi di Galassie 1/3).
Noi siamo qui, insieme ad altre galassie. Poi, il Gruppo Locale è all'interno dell'ammasso della Vergine (Virgo Cluster), quindi noi siamo sempre qui.
                                                                                                                                                     Vi va di ragionare un po' insieme?                                               La magia dello Spazio-Tempo                                                                                                                                                                  Tra poco vediamo qualche foto ma prima una piccola parentesi riguardo alle immagini che seguono; la prima volta che mi è capitato di vedere una di queste foto sono rimasto per un bel po' di minuti in incredula ammirazione, cercando di capire cosa stavo guardando.                                                                                                      Dunque, già sapevo che le distanze all'interno del nostro Sistema Solare sono incredibili, sconcertanti, da capogiro (post l'Emozione del Viaggio nel Cosmo Infinito e post TABELLE). Sapevo poi che erano niente in confronto a quelle delle stelle più vicine. E più ci si allontana, allargando il campo e raggiungendo altri bracci della nostra galassia, più tali distanze diventano inconcepibili. Quindi sapevo bene che anche solo immaginare quanto era vasta e immensa la Via Lattea era un impresa impossibile.                                                                                         
Ma ora, cosa sto guardando? Una immagine in cui non solo vedo una galassia lontana, ma addirittura decine se non centinaia, e posso riconoscerne benissimo le forme, ad esempio le spirali. Come è possibile, come si può vedere in uno stesso rettangolo di foto così tante galassie, che, prese singolarmente, non puoi neanche immaginarle? Ma allora, se la foto è reale, quanto dobbiamo essere lontani per riuscire a racchiudere tutto questo spazio inimmaginabile in questo piccolo rettangolo?!!!                                                                                                                        
Provate a fare l'esperimento, per gioco.                                                                     Chiudete gli occhi, partite dalla vostra casa, immaginate di volare via lontano, sempre più lontano, vedete la vostra casa rimpicciolire,                                                                 la città rimpicciolire,                                                                                                           la regione, lo stato, il continente,                                                                                        la Terra,                                                                                                                           tutti i pianeti del Sistema Solare, le fasce di asteroidi, la nube di Oort,                                il confine del Sistema Solare, tutto rimpicciolisce,                                                              e ancora le prime stelle vicine,                                                                                          quelle più lontane,                                                                                                                i bracci della Via Lattea,                                                                                                    la Via Lattea,                                                                                                                       le galassie vicine,                                                                                                                 il Gruppo Locale, e così via...                                                                                                                                                                                                                                   Con l'immaginazione è possibile fare questo gioco, basta lasciarsi andare.                   Non importa quanto arrivate lontani, quanto riuscite a spingervi, l'importante è il rendersi conto della vastità e di quanto si possa continuare a viaggiare senza mai mai mai mai mai mai e poi Mai........... fermarsi, abbandonandosi al piacere dell'infinito.                                                                                                                                   Un bell'esempio cinematografico pratico di questo tipo di viaggio ci viene offerto da un film che mia moglie ed io troviamo bellissimo e che in qualche modo è diventato uno dei nostri cult, Contact. Proprio all'inizio del film potete gustarvi un veloce viaggio a ritroso dalla Terra fino a Vega, potete provare a vedere cosa riuscite a riconoscere. Il viaggio è accompagnato dall'audio di diversi tipi di trasmissioni sonore che ovviamente man mano che ci si allontana perde di volume fino a scomparire del tutto, non solo ma mano a mano che ci si allontana si riferiscono ad epoche umane storiche sempre più vecchie (etichetta "guardare nel passato"). Buona visione.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   


Ammasso Pandoras, Abell 2744 



Abell 2744




































































Gli Ammassi a loro volta sono ordinati in

S u p e r A m m a s s i  di galassie
Galaxy SuperClusters (SC)

le strutture più grandi a tutt'oggi conosciute, capaci di arrivare anche a centinaia di milioni di anni luce.

































                                                                                                                                                                                                                                                                                                DOVE SIAMO NOI?                                                                                                                                                                              Tra i Superammassi Locali è evidenziato in rosso il SuperAmmasso della Vergine detto anche SuperAmmasso Locale, il quale contiene l'Ammasso Locale e l'ammasso della Vergine (dove ci troviamo anche noi: quindi, ricapitolando, noi ci troviamo nel Gruppo Galattico Locale, che si trova nell'Ammasso della Vergine, che a sua volta si trova nel SuperAmmasso della Vergine o Locale, che fa parte dei SuperAmmassi Locali); altri Superammassi sono quelli di Ercole, della Chioma di Berenice e dello Scultore. Nell'immagine qui sotto il SuperAmmasso Locale o SuperAmmasso della Vergine.                                                                                                                                                                                                                                     
























                                                                                                                                        I Super-ammassi compongono in qualche modo quello che può essere immaginato come lo scheletro dell'Universo, poiché, se osservati nel loro insieme, assumono un andamento che ricorda molto delle bolle d'aria disperse in una schiuma.                                                                                                                 
Questo si deve al fatto che le regioni dell'Universo in cui la materia ha concentrazioni bassissime (inferiori ad un atomo per cm cubo e dunque, ai fini pratici, approssimabili a zero) sono estesissime e si notano ancor di più quando si considerano di parecchi milioni di anni luce.                                                                                                                          
Se l'avete già visto, l'immagine sopra vi ricorderà la famosa "ragnatela", altrimenti andate a vedere il post Dark Matter - La Materia Oscura.                                             


Qui sotto si vede meglio la composizione del SuperAmmasso Locale e potete riconoscere molto bene anche l'Ammasso della Vergine, dove ci troviamo noi.

























Vediamo altri SuperAmmassi e la relativa estensione in milioni di anni luce (LY vedi post distanze).


























Anticipando il terzo ed ultimo post di questa serie, possiamo dire che alle scale più grandi dell'Universo visibile, la materia è raccolta in Filamenti e Muraglie (Wall) che circondano grandi Vuoti (Voids), in una struttura che ricorda, come si diceva poco fa, una schiuma.




qualche foto spettacolare, da togliere il fiato se riflettete su cosa state guardando

Hubble deep field
























Hubble Space Telescope, 10.000 galassie

Abell 2218 con dettaglio "lente gravitazionale" vedi post Dark Matter












E per finire una bella e particolare immagine della Via Lattea, al centro, con le posizioni degli Ammassi e SuperAmmassi che abbiamo visto.

Se volete andare subito a vedere il post precedente ecco il link Vicinato e Gruppi di Galassie 1/3.

Per andare invece subito a fare l'ultima parte del viaggio incredibile ecco il link del terzo ed ultimo post di questa serie Vuoti e Strutture Giganti 3/3.




0 commenti:

Posta un commento

Condividi

 
Copyright © a piedi nudi nel Parsec. All rights reserved.